In un processo biometrico di scannerizzazione di un’impronta le “minutiae” sono dei punti specifici dell’immagine del dito. Ci sono di due tipi principali conosciuti come “termini delle creste” e “biforcazioni”. Talvolta altri dettagli come i punti in c

In un processo biometrico di scannerizzazione di un’impronta le “minutiae” sono dei punti specifici dell’immagine del dito. Ci sono di due tipi principali conosciuti come “termini delle creste” e “biforcazioni”. Talvolta altri dettagli come i punti in c

In un processo biometrico di scannerizzazione di un’impronta le “minutiae” sono dei punti specifici dell’immagine del dito. Ce ne sono di due tipi principali conosciuti come  “termini delle creste” e “biforcazioni”. Talvolta altri dettagli come i punti in cui delle cicatrici iniziano o terminano potrebbero considerarsi come “minutiae”.

Un’impronta completa può essere formata da fino a 100 minutiae. Il sensore Veridicom che l’iGuard usa ne rileva da 20 a 30. Si fa notare però che la maggior parte dei tribunali europei accetta come identificazione certa e non ambigua un’impronta costituita da almeno 12 minutiae.